A Siena, in Italia, c’è un allenatore di una squadra di basket professionista che ha ammirazione, orgoglio e attenzione focalizzata sul campus di Texas Tech. Vede molto di se stesso in suo figlio Davide Moretti, che al secondo anno ha una media di 11.0 punti e 3.0 assist in sei partite per i Red Raiders. Paolo Moretti viene ricordato come giocatore professionista in Europa prima di iniziare la sua carriera da allenatore. Più che altro, è orgoglioso del modo in cui suo figlio si sta impegnando in Texas per raggiungere le sue aspirazioni.

“Ho cercato di trasmettergli la mia passione per il gioco”, ha detto Paolo Moretti, l’allenatore di Siena 1871 e padre di Davide. “Credo che abbiamo la stessa testa e lo stesso cuore, l’ho allenato più fuori dal campo che dentro, come me, odia perdere e ama vincere, ma nel basket è molto meglio di me”.

Con il sostegno di suo padre, di sua madre Mariolina, e del fratello Niccolò, il passaggio da Bologna, in Italia a Lubbock, in Texas, è stato un grande passo, con l’idea di dedicarsi ogni giorno al raggiungimento dei propri obiettivi. È stato un sacrificio per Davide lasciare la famiglia e gli amici, ma è impegnato e lo sta dimostrando, per la sua famiglia a casa che guarda con orgoglio, per i suoi allenatori che si fidano di lui in campo e per i suoi compagni di squadra di Texas Tech che apprezzano il lavoro che sta facendo, mettendo in campo tutto se stesso.

“Davide è quello che è il nostro programma. Lo rappresenta in pieno”, ha detto Noresis Odiase, senior di Texas Tech. “Lo vedi diventare sempre più a suo agio nel suo secondo anno, è cresciuto così tanto e da zero, lavora sempre per migliorare il suo gioco e tutto il suo lavoro sta pagando i dividendi ogni volta che si accendono le luci”.

Moretti attualmente è al secondo posto nella Big 12 per rapporto tra turnover/assist con 3,60, 15 assist e solo 5 palle perse in sei partite. Tira con il 47,6% dal campo, tra cui 9/24 (37,5%) da 3p e sta tirando dalla linea di tiro libero (dove ha 17/18) col 94,4%. Ha già segnato 17 punti in questa stagione, segnando per la prima volta cinque tiri da 3 punti contro Mississippi Valley State nella seconda partita della stagione e segnando 17 punti nella vittoria su Southern Cal la scorsa settimana al Hall of Fame Classic di Kansas City. Ha iniziato la stagione con un passaggio pazzesco per una schiacciata al volo di Tariq Owens al primo possesso dell’inizio della stagione e terminato con sei assist nella vittoria di 50 punti su Incarnate Word.

I numeri sono in aumento, e più consistenti, in questa sua seconda stagione. Ha trascorso il suo primo anno a Lubbock imparando il gioco collegiale, entrando nel sistema di Coach Beard. Ha giocato in tutte e 37 partite, con una media di 3,5 punti per partita e contribuendo con 42 assist durante la corsa alla Elite Eight della NCAA prima di dedicarsi al miglioramento e diventare il giocatore che è stato finora in questa stagione.

“Sono davvero orgoglioso di Moro e penso che abbia fatto il prossimo passo”, ha detto l’allenatore di Texas Tech, Chris Beard. “C’era sicuramente un grande adattamento per la fisicità e l’atletismo della pallacanestro del college che ha dovuto affrontare. Ha avuto un buon primo anno con alcuni dei suoi migliori canestri a marzo, ma l’obiettivo in primavera, estate ed autunno è stato quello di prepararlo a fare il passo successivo: ha ancora margini per andare avanti come tutti i nostri giocatori, ma penso davvero che sia sulla buona strada, lo vedo continuare a migliorare mentre la sua carriera va avanti “.

“Moro ha giocato con un sacco di confidenza”, ha aggiunto Matt Mooney, senior di Texas Tech. “È un grande leader in campo e sembra sempre fare la giocata giusta, è uno dei giocatori più intelligenti con cui abbia mai giocato.”

Moretti ha acquisito una preziosa esperienza in ogni partita ed allenamento lungo la strada per il primo grande viaggio dei Red Raiders alle NCAA Elite Eight. Ha segnato un massimo di 14 punti nella vittoria contro Florida Atlantic dopo aver segnato 10 nella sua prima partita in assoluto contro il Sud Alabama, ma ha avuto anche partite in cui ha faticato. Ha imparato da entrambi. Nella postseason ha continuato a mostrare la sua crescita, segnando sette punti contro la numero 11 Purdue nell’incontro di Sweet 16 e altri sette contro Villanova #2 nelle Elite Eight. Guardando indietro al suo primo anno, Moretti apprezza le sfide e le lezioni che sono venute lungo la strada e le ha utilizzate per prepararsi per questa stagione e per un ruolo sempre più importante.

“Sapevo quando sono arrivato qui che sarebbe stato un processo”, ha detto Moretti. “Sapevo che non sarebbe stato facile, ci sono stati momenti buoni e cattivi che mi hanno portato dove sono adesso. Penso che ci sto arrivando ma non sono soddisfatto. Sto acquisendo esperienza e sto lavorare con i miei compagni ogni giorno per essere i migliori. ”

Moretti è arrivato al Texas Tech con esperienza internazionale avendo giocato a vari livelli di club e aveva già rappresentato l’Italia in sei eventi FIBA ​​tra cui il 2013 U16 Europeo 2014 U17 World 2014 U16 Europeo, 2015 U18 Europeo, 2016 U20 Europeo e 2017 U20 Campionati Europei . Ha acquisito ancora più esperienza la scorsa estate dopo il suo primo anno, giocando nel campionato europeo U20 in Germania. Ha chiuso il torneo con una media di 12,9 punti, 2,0 assist e 2,1 rimbalzi a partita, compresi 29 punti contro la Serbia, dove ha centrato quattro tiri da 3 punti. Il suo gioco è una miscela di entrambi gli stili di basket e ha detto che l’aggiustamento più importante è stato quello di avere lavorato nel suo programma di forza e di condizionamento per soddisfare le esigenze del basket universitario.

“L’atletismo qui è la differenza più grande”, ha detto Moretti, che ha anche ricevuto offerte da Indiana, UConn e Utah prima di firmare con i Red Raiders a luglio 2017. “È molto più veloce qui. In Europa è più under control Game e qui si gioca con movimenti ad una velocità più alta, adeguarsi all’atletismo di tutti è stata la parte più grande del gioco che ho dovuto adattare fino all’anno scorso. ”

Davide è un giocatore diverso rispetto a suo padre, ma usa la carriera di suo padre come modello per quello che vuole raggiungere. Paolo Moretti è stato un giocatore professionista per 15 anni, ha vinto tre campionati italiani con Virtus Bologna, due titoli di Coppa Italia con Scaligera Verona e Fortitudo Bologna e due campionati italiani di Supercoppa con Virtus Bologna e Fortitudo Bologna negli anni ’90. Ha vinto anche una medaglia d’argento in EuroBasket nel 1997 con la maglia Azzurra nella Nazionale Italiana, prima di dedicarsi a fare l’allenatore nel 2001. Ha allenato Pistoia Basket dal 2009-15, vincendo il riconoscimento come l’Allenatore italiano dell’anno nel 2014 ed è attualmente l’allenatore di Siena 1871, una squadra della seconda divisione italiana. Davide era giovane quando suo padre si ritirò dal gioco, ma lo ha visto allenatore per tutta la vita. Dà credito a suo padre per il suo amore per il gioco e per averlo aiutato ad arrivare al punto che ora è al Texas Tech.

“Mio padre era un grande giocatore e ho sempre voluto essere proprio come lui”, ha detto Moretti. “C’era sempre una competizione tra di noi per aiutarmi a migliorare nel basket, mi spingeva ogni giorno a essere migliore ed era sempre lì per me. Sto cercando di essere proprio come lui, ma anche cercando di vincere più di quanto ha fatto lui e di diventare un giocatore migliore di lui. È una grande motivazione e parte dell’ispirazione che ho, per questo devo lavorare sodo ogni giorno “.

“Sono molto felice per la stupenda esperienza di vita e basket che Davide sta facendo a Texas Tech”, ha aggiunto Paolo Moretti. “Ora Davide è completamente nel sistema e appartiene al sistema: il suo corpo sta crescendo e così anche la sua testa con il suo approccio al gioco.”

Moretti ha detto che la sua esperienza di ritorno a casa in Italia la scorsa estate gli ha dato fiducia per quello che sta facendo quest’anno, ma che sta abbracciando un ruolo multidimensionale in una squadra con giocatori in campo che possono tutti produrre. Ha imparato ad essere un giocatore di squadra a casa in Italia e poi l’ha visto in azione la scorsa stagione mentre i Red Raiders si facevano strada attraverso il torneo NCAA. Ora è uno starter e un leader, un giocatore che comprende il piano gara ed fa fiducia di andare in campo ed eseguirlo.

“Siamo una squadra in cui tutti possono segnare”, ha detto Moretti. “Ci saranno alcune partite in cui segnerò io, altre nelle quali saranno i miei compagni a realizzare di più, quando quello che conta è mettere la palla al posto giusto nel momento giusto. Nessuno di noi è egoista. Il mio ruolo può cambiare ogni partita e sono preparato per questo, posso segnare ma questa non è la cosa più importante che posso fare per la nostra squadra, il mio compito è fare tutto il necessario nella prossima partita per aiutare la nostra squadra a vincere “.