Cosa sta facendo Tony Giovacchini in questo momento?
“Attualmente sono ancora collegato al basket e all’Italia, sono il socio americano di una società chiamata ” Delos “, producono un sistema che analizza e addestra il controllo propriocettivo, è un sistema a cui sono stato presentato mentre giocavo a Cantu e che ho utilizzato alla fine della mia carriera di giocatore, ho visto il valore che il sistema e la metodologia avrebbero potuto portare negli Stati Uniti e ho collaborato con l’azienda, attualmente lavoriamo con 16 squadre NBA e un certo numero di college. E’ molto gratificante continuare la mia connessione sia con l’Italia che con il basket “.

Puoi darci le tue impressioni, vivendo vicino al “Basketball sistem” della NBA e della NCAA, di quel modo così affascinante per noi?
“Le mie impressioni sull’NBA sono di costante stupore per le doti atletiche degli atleti. Vedere da vicino ciò che questi giocatori sono fisicamente in grado di fare ogni giorno è incredibile. Tuttavia, sono più interessato alla strategia dietro il gioco di squadra e come i team si preparano per i punti di forza degli altri e per attaccare le loro debolezze. Osservo le tendenze da vicino e il ritmo di gioco è aumentato nell’NBA, ci sono più tentativi da 3 punti in ogni match, quali sono le conseguenze? I giocatori sono più a rischio infortunio dovuto al ritmo più veloce, più possessi, più passaggi, ecc. Come possono competere le squadre che non hanno personale per giocare a questo tipo di basket? È sempre divertente continuare a guardare e imparare “.

Cosa ricordi della tua esperienza europea come giocatore?
“Ho bei ricordi della mia esperienza di giocatore europeo, ho avuto la fortuna di giocare per molti team diversi e quindi di sperimentare la vita in diverse città e con diversi compagni di squadra. Avere avuto esperienza di vita in molte regioni italiane è qualcosa che io e mia moglie ricordiamo spesso, ricordo anche la passione di tutte le persone coinvolte, dalle persone coinvolte in tutte le operazioni quotidiane del team, a quanto i fan seguivano ogni squadra, a dimostrare quanto il basket fosse amato da tutti “.

Quali sono le maggiori difficoltà che hai dovuto affrontare in un paese straniero?
“Le più grandi sfide che ho affrontato in un paese straniero si sono evolute di anno in anno: nel mio primo anno avevo 22 anni e giocavo ad Avellino, in quel momento non parlavo italiano, quindi la sfida più grande era la lingua. Le altre sfide sono diventate il modo di vivere una vita quotidiana così lontana da familiari e amici. Odio ammetterlo, ma eravamo solo all’inizio dell’era Internet in questo momento (2002), e semplicemente FaceTime era il mio primo compagno! Tuttavia, anche questa è stata una benedizione, in quanto mi ha costretto a interagire personalmente e a stabilire relazioni reali nella comunità: questo è stato il motivo per cui ho imparato la lingua rapidamente e forgiato vere amicizie con le persone intorno a me. ”

Quanto tempo ci è voluto per adattarsi a uno stile di gioco diverso?
“Anche l’adattamento dello stile di gioco è stato difficile, ricordo che nelle mie prime 2-3 stagioni, i concetti che mi venivano insegnati sembravano essere l’esatto contrario di quello che mi era stato insegnato negli Stati Uniti. In seguito, sono arrivati ​​alcuni concetti difensivi e la spaziatura offensiva e il movimento della palla. Quello che trovo interessante ora, è che anche se molti di questi concetti sembravano estranei e scorretti le prime volte che sono stato esposto a loro, ora credo che siano molto più efficaci per visualizzare e giocare a Basket. ”

Cosa ne pensi della stagione NCAA?
“La stagione NCAA quest’anno è interessante come sempre, ovviamente sono affascinato da Duke e dal potenziale di avere le prime 3 scelte del draft NBA come compagni di squadra, ma non sono imbattibili, come già dimostrato. La squadra di Virginia mi ricorda molto Stanford dove ho giocato per il loro stile di gioco e per il fatto che non sembrano mai mollare. Seguo da vicino la Pac-12 e lavoro con alcune di quelle squadre e ho giocato in quella Conference durante i miei anni di college. Sfortunatamente, quella conference sta avendo una stagione di basso profilo. Sinceramente spero che possano migliorare negli anni e portare qualche team alle Final Four. Seguo anche la Big 12. Con Kansas sempre favorita, è interessante vedere chi può sfidarli per la vittoria finale. In passato, è stato un numero di team diversi, con Baylor, West Virginia, con team molto competitivi. Potenzialmente, questo potrebbe essere l’anno in cui Texas Tech diventa il più pericoloso sfidante. È stato divertente seguirli durante la stagione di successo dello scorso anno con un potenziale ancora migliore quest’anno!

Anthony Giovacchini
Nato a Salt Lake City, 9 Settembre 1979 – USA Basketball player con passaporto italiano. 185 cm – 82 kg , playmaker.

Player
1998-2002 College: Stanford Cardinal
Club in Italy
2002-2003 Scandone Avellino
2003-2004 Roseto Sharks
2004-2005 RB Montecatini.
2005 Virtus Bologna
2005-2006 Viola Reggio Cal.
2006 Junior Casale
2006-2007 Fabriano Basket
2007 Basket Napoli
2007-2008 Olimpia Milano
2008-2010 Pall. Cantù
2010-2011 N.B. Brindisi
2011-2012 Veroli

Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
Instagram